Auto e camion sono ormai una parte essenziale per la nostra vita. D’altro canto con l’aumento del numero di veicoli in circolazione è aumentato anche il numero di pneumatici in disuso da smaltire ed è importante tenere questi ultimi non solo fuori dalle discariche, ma anche fuori dagli inceneritori. Genan, fin dai primi anni 90’, fornisce una soluzione per gli pneumatici: impedisce che vengano gettati e li separa nelle loro componenti costitutive. L’azienda divide così i vari elementi in: 75% delle gomme come granulato o polvere, 15% acciaio e 10% fibre tessili. Un processo in cui i motori idraulici e i sistemi di azionamento Hägglunds di Bosch Rexroth svolgono un ruolo essenziale.

“Per ogni tonnellata di pneumatici in disuso che viene riciclata invece di essere incenerita, il clima verrà sollevato da almeno 1,1 tonnellate di emissioni di CO2” – Daniel Pohl, Project Manager di Genan.

I motori idraulici Hägglunds, fattore chiave per la produttività 

I motori idraulici ad azionamento diretto Hägglunds Bosch Rexroth sono stati parte integrante del lavoro di Genan sin dall’apertura del primo stabilimento a Viborg, in Danimarca, nel 1990. Grazie alla loro robustezza e alla capacità di lavorare, arrestarsi e riavviarsi tutte le volte che è necessario, questi sistemi risultavano essere la scelta più idonea a macchine come i trituratori di pneumatici. Daniel Pohl afferma che tali macchine sono essenziali per garantire la purezza e la consistenza del prodotto finale.

La gomma riciclata da Genan può essere utilizzata nelle produzioni industriali di gomma, vernici, plastica e superfici stradali. La sua polvere di gomma criogenicamente frantumata può persino sostituire il materiale vergine nei nuovi pneumatici.

Dalla Danimarca al mondo intero con i motori Hägglunds

I motori Hägglunds vengono impiegati in tutti gli stabilimenti Genan, ad oggi sei in tutto il mondo. Inizialmente l’azienda danese si è espansa a Berlino nel 2003 e successivamente in altre due città tedesche, Dorsten e Kammlach. Il Texas, US, è diventato la prima sede non europea nel 2014, e recentemente sono state aggiunte attività in Portogallo, portando così la capienza combinata a quasi 400,000 tonnellate all’anno. 

“Abbiamo iniziato subito con i sistemi di azionamento Hägglunds e siamo così soddisfatti da non voler più cambiare” – Daniel Pohl, Project Manager di Genan.

La potenza affidabile dei motori ad azionamento diretto

Oggi Genan ha in totale più di 40 sistemi idraulici ad azionamento diretto, i quali si basano su due diversi motori: l’Hägglunds CA 100 e l’Hägglunds CB 840. Con la loro densità di potenza, questi motori forniscono una coppia elevata e disponibile con continuità anche a velocità ridotta. Altro aspetto fondamentale è l’affidabilità: trattandosi di una realtà altamente automatizzata, per Genan è importante che i sistemi di azionamento non solo abbiano una certa potenza ma siano anche estremamente sicuri e affidabili. 

“Dal momento che produciamo 24 ore su 24 tutti i giorni è necessaria la piena operatività di tutti i sistemi in ogni momento” – Daniel Pohl, Project Manager di Genan.

Daniel Pohl sottolinea che Genan non trae solo beneficio dai sistemi Hägglunds, ma anche dal forte supporto fornito da Rexroth. Prendendo come esempio il centro servizi Hägglunds a Bochum in Germania, Rexroth fornisce assistenza per tutti gli impianti di produzione di Genan locali, dalla formazione dei dipendenti alle riparazioni in breve tempo e alla fornitura di parti di ricambio. Il rapporto è eccellente, e Pohl vede i motori Hägglunds come una componente importante del continuo successo di Genan. 

 

Leggi anche: È ora di Green!

White PaperDownload gratis

Idraulica Industriale: il futuro

Idraulica Industriale: il futuro. Da dinousauro a unicorno dorato

Condividi :
  • Articoli simili

    articoli